Rubrica
Tendenze della competizione globale

Copyright - Gli articoli si possono diffondere liberamente citandone la fonte e inserendo un link all'articolo

Autore/i

Miriam Fernandez Baquero
Articoli pubblicati
per Proteo (1)

Prof.ssa Universidad de La Habana (Cuba), Centro de Investigaciones de Economia Internacional.

Argomenti correlati

America Latina

Argentina

Debito

Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale

Nella stessa rubrica

La resistenza nel Terzo mondo e la solidarietÓ degli intellettuali occidentali
James Petras

L’evoluzione del debito e la rinegoziazione, nel contesto della situazione economica attuale e futura
Miriam Fernandez Baquero

 

Tutti gli articoli della rubrica "Tendenze della competizione globale"(in tutti i numeri di Proteo)


Home
Autori
Rubriche
Parole chiave

 

 

 

L’evoluzione del debito e la rinegoziazione, nel contesto della situazione economica attuale e futura

Miriam Fernandez Baquero

Formato per la stampa
Stampa

Il corralito provoc˛ gravi danni, tra i quali la rottura dei sistemi contrattuali e della catena delle riscossioni e dei pagamenti, oltre a portare alla svalutazione dei risparmi e all’aumento delle obbligazioni bancarie, pregiudicando cosý vasti settori della popolazione, soprattutto la classe media, che si ribellarono contro queste misure con i famosi “cacerolazos”.

Sia a Buenos Aires che nel resto del paese era un susseguirsi di manifestazioni, cacerolazos e blocchi stradali. Nei giorni 19 e 20 dicembre, la repressione fu particolarmente violenta, morirono due manifestanti, accelerando la rinuncia del Presidente Fernando de la R¨a, che giorni prima aveva allontanato Cavallo. Il paese attravers˛ una crisi di governabilitÓ ed ebbe cinque presidenti provvisori in pochi giorni [1]. Uno di questi, Adolfo Rodriguez Saa, dichiar˛ la cessazione dei pagamenti del debito pubblico ed estero.

 

La situazione nel 2002

Si dice che l’economia argentina abbia toccato il fondo nel marzo del 2002, ma i dati del primo semestre riflettono un calo nella maggior parte delle attivitÓ e nel consumo. In una situazione di incertezza economica e politica, il PIL scendeva di un 20-22% e, anche se nella seconda metÓ dell’anno ci fu un certo recupero, nel 2002 si era tornati ai livelli di dieci anni prima e and˛ ancora peggio per quanto riguarda la domanda interna, il consumo, le importazioni e soprattutto gli investimenti.

All’inizio del 2002, la moneta venne svalutata ufficialmente e si fiss˛ una doppia paritÓ: in febbraio si abbandon˛ il doppio sistema di cambio e si decise per la fluttuazione della moneta. Come c’era d’aspettarsi, i prezzi aumentarono e ci fu una caduta del cambio, fino a stabilizzarsi intorno ai 3 pesos per 1 dollaro nordamericano. Questa situazione ebbe un impatto diretto sui salari e sulle pensioni, sulla domanda interna e su alcuni settori dipendenti dai grandi investimenti, favorý per˛ molte produzioni agricole, zootecniche e industriali, che concise con un miglioramento dei prezzi a livello internazionale, con la riapertura di alcuni mercati alla carne argentina e con una raccolta record della soia, il che spiega la crescita delle esportazioni e il surplus commerciale.

Inizi˛ cosý un processo, che molti definiscono virtuoso, di aumento della competitivitÓ, della produzione e delle esportazioni, che fece aumentare le entrate fiscali che redistribuendosi andarono a mitigare la situazione generale. Ci fu un controllo pi¨ attento delle spese e dell’evasione fiscale.

3. La rinegoziazione del debito

Inoltre c’Ŕ il debito privato in default, che nel novembre 2003 si calcolava intorno ai 41.700 milioni, di cui il 76% in dollari nordamericani. Negli ultimi mesi un gruppo di importanti debitori ha portato avanti processi di ristrutturazione finanziaria con creditori e possessori di buoni. La maggior parte delle rinegoziazioni si fondano sul riacquisto dei debiti e sull’emissione di nuovi titoli. Ci sono anche state molte fusioni, acquisizioni e accordi extragiudiziari.

A. La rinegoziazione con organismi finanziari multilaterali. La negoziazione con il FMI

A partire dall’aprile 2003, l’Argentina ha iniziato la negoziazione con il FMI per rifinanziare i passivi multilaterali. L’Accordo, 21.000 milioni in 3 anni, non costituisce aumenti di fondi, per˛ assicura al paese nuovi versamenti equivalenti alle quote di debito che man mano vengono liquidate. ╚ quanto si Ŕ ottenuto, dopo difficili negoziazioni e contando sull’appoggio dei governi del Gruppo dei 7, in particolar modo degli Stati Uniti, che hanno posto questa modalitÓ come condizione per la rinegoziazione del debito verso creditori privati. Dall’altra parte, gli organismi multilaterali ricevevano pressioni a causa del loro impegno verso l’Argentina, cosa che avrebbe potuto mettere a rischio il loro portafoglio di crediti e la sua classificazione.

Il 10 settembre 2003 Ŕstata firmata la Carta d’intenti, che conferma un accordo “stand-by” per un periodo di 36 mesi e per un ammontare di circa 12.500 milioni di dollari. Anche la Banca Mondiale e il BID manterranno i loro livelli di credito (all’incirca 1.200 milioni). L’Argentina pagherÓ le obbligazioni e gli interessi addebitati. Nel Memorandum del Giudizio Tecnico e nel Memorandum di Politica Economica si stabiliscono “le mete indicative e i criteri di disimpegno strutturale”, tra cui il surplus fiscale primario del 2,5% del PIL per l’anno 2003 e del 3% per il 2004, “livelli sufficienti per coprire i pagamenti del debito e le obbligazioni che possano risultare dall’accordo”.

Il Fondo ha fatto pressione per un aggiustamento fiscale tra il 4,5% e il 5,5%; in questo caso Ŕ stato difficile negoziare un accordo per il quale, secondo quanto dichiarato dal Presidente Kirchner alla stampa “il governo valuterÓ i livelli di crescita, l’aumento dei posti di lavoro e gli obiettivi di uguaglianza sociale”. Pi¨ tardi, in un comunicato [2] rilasciato durante la visita di Luiz Ignazio Lula da Silva, si Ŕ insistito nel segnalare che “si realizzeranno gli impegni assunti, per˛ a condizione di preservare la crescita economica e lo sviluppo sociale”.

L’accordo fissa anche “mete monetarie”, tra esse, il livello di espansione della base monetaria (10,5% nel IV trimestre del 2003 e 12,5% per il 204); l’inflazione a circa il 5-6% nel 2003 con un lieve aumento nel 2004; si prevede un aumento delle riserve del paese, da 14.000 milioni a fine del 2003 a 15.600 milioni nel 2004 e si stabiliscono impegni relativi alla banca pubblica, alle tariffe dei servizi pubblici e alla riforma del sistema di tassazione. Inoltre si conviene sul “rafforzamento del sistema bancario”, sulla modernizzazione delle banche Nazione e Provincia e sull’indennizzo di perdite causate da decisioni giudiziarie. L’importante Ŕ che si stabilisca che nel 2004 si rinegozierÓ il debito pubblico che Ŕ in default.

In Argentina c’Ŕ stato un certo consenso sulla gestione della negoziazione da parte del governo, ma l’Accordo ha ricevuto anche critiche sia da “destra” che da “sinistra”. ╚ da segnalare che l’Accordo non significa entrata di denaro fresco e che chiede l’assunzione di importanti impegni, tra cui l’uso del surplus fiscale per il pagamento del debito. L’economista Claudio Lozano [3] indica che Ŕ positivo che l’Accordo non contenga impegni sulle riforme strutturali a lunga scadenza, per˛ critica il fatto che non si sia tradotta in fatti la “corresponsabilitÓ” del FMI nella crisi e, anzi, gli si offrano condizioni privilegiate rispetto a quelle offerte ai creditori privati. Per quanto riguarda il punto pi¨ dibattuto, il 3% di surplus fiscale, sia la Centrale dei Lavoratori dell’Argentina che altri analisti mettono in guardia sull’impatto che avrÓ sulla situazione sociale, visto che porterÓ ad un congelamento dei salari pubblici e delle pensioni e porrÓ un limite alle politiche di assistenza sociale.

B. La rinegoziazione del debito con i creditori privati

Nella proposta per la rinegoziazione con i creditori privati, il governo argentino enfatizza “il trattamento equo di tutti i creditori” e rifiuta le negoziazioni con chi Ŕ ricorso alla giustizia. Per quanto riguarda i termini della proposta, particolarmente importante Ŕ “lo sconto proposto del 75% del valore nominale (calcolato intorno a 65.287 milioni) e il non pagamento degli interessi accumulati nel 2001”. [4]

╚ stato proposto di sostituire le obbligazioni scadute con tre tipi di buoni: (A) un Buono “Pari” (in dollari o Euro), che mantiene il valore nominale del capitale con un taglio degli interessi e termini di pagamento pi¨ prolungati; (B) un Buono con “Sconto” (in dollari o euro) che diminuisce il valore nominale, dello sconto che si accorda e offre interessi maggiori e termini di pagamento a termine pi¨ breve di quelli del Buono Pari; (C) un Buono con capitalizzazione in Pesos e “legato” all’evoluzione del PIL, che sconta un interesse fisso pi¨ una parte variabile secondo la crescita dell’economia.

Sono poi state precisate le caratteristiche dei buoni; Ŕ stato eliminato il buono legato al corso dell’economia, apparentemente a causa dello scarso interesse e ora si propone:

Ľ un buono “pari”, senza taglio del valore, con un termine da 20 a 42 anni e un tasso di interesse da 0,5% a 1,5%;

Ľ un buono con sconto del 75%, termine entro gli 8 e i 32 anni e un tasso di interesse dall’1% al 5%;

Ľ un buono “quasi pari” con taglio del 30%, un tasso da 1% a 26% e un termine da 20 a 42 anni.

Per l’Operazione della rinegazioziane si dovrebbe creare un comitato di banche, scelte tra quelle leaders non italiane nel mondo per quanto riguarda il collocamento del debito, che non includerÓ le banche beneficiate dal “megacambio”.

Reazione di fronte alla proposta argentina

Nonostante la valutazione del rischio-paese che giÓ riconosceva la caduta dei titoli argentini, pare che i due elementi centrali della proposta governativa, cioŔ lo “sconto” del 75% e il mancato pagamento degli interessi accumulati, non siano stati ben recepiti dai possessori dei buoni.

Anche se non c’Ŕ nessuna controproposta ufficiale, si sa che un gruppo di banche d’investimento, statunitensi ed europee, in possesso di buoni del debito pubblico argentino, hanno messo a punto una controproposta che contempla: (i) uno sconto del 40% del valore nominale dei buoni; (ii) l’inclusione degli interessi accumulati (18.000 milioni di dollari) e realizzare poi un pagamento effettivo del 10%; (iii) rifinanziare, con un tasso del 2% annuo e a lungo termine, il capitale del debito residuo una volta applicato lo sconto. Era giÓ stata annunciata un’altra richiesta, quella di includere nella rinegoziazione tutto il debito, alle stesse condizioni, sia per quanto riguarda i buoni BODEN [5] che gli organismi finanziari internazionali, ma la richiesta era stata ufficialmente respinta.

Come abbiamo detto, l’Argentina ha fissato una data limite per la rinegoziazione con i creditori privati; si sa anche che ci sono state citazioni in giudizio, momentaneamente sospese, soprattutto presso i tribunali degli Stati Uniti. Le posizioni, fino ad ora, sono molto distanti e il compromesso significherÓ un aumento del surplus fiscale destinato al debito, di cui un 3% addizionale giÓ impegnato; in tutto questo, per˛, gli organismi finanziari e i creditori sostengono che l’Argentina ha risorse maggiori per poter far fronte ai pagamenti. ╚ prevedibile che il 2004 sia l’anno decisivo per le negoziazioni.

4. Il pagamento del debito nelle attuali condizioni di recupero

A partire dal secondo semestre del 2002 Ŕ iniziato un recupero dell’economia argentina, che registra sette trimestri consecutivi di crescita, crescita che per il 2003 si prevede del 7% e del 5% per il 2004, superiore alla media latinoamericana e di altre economie, come il Brasile, che non registra nessuna crescita per il 2003 e una crescita del 3% nel 2004. In Argentina si prevede un’inflazione di circa il 7% e sono previsti inoltre aumenti dei salari e del consumo.

Le notizie economiche sono buone; tra l’altro, per quanto riguarda l’agricoltura, si prevedono raccolti record di soia e grano in una congiuntura di prezzi molto favorevole; nell’industria c’Ŕ un aumento della capacitÓ produttiva e della mano d’opera impiegata. Inoltre, nel paese, si sono creati 600.000 posti di lavoro, in particolar modo nelle costruzioni e nell’industria. Si spera, poi, che le esportazioni crescano di un 15% e che il surplus commerciale arrivi, nel 2003, a 15.000 milioni di dollari. Tutte le proiezioni prevedono una grande crescita nel primo semestre del 2004, anche se alcuni ricercatori indicano che ci sarÓ una diminuzione di ritmo nel secondo semestre.

Indubbiamente il contesto politico Ŕ di maggiore governabilitÓ e stabilitÓ. L’attuale governo, che conta sull’appoggio della maggioranza della popolazione, sta portando avanti una dura lotta alla corruzione. Inoltre ha controllato l’inflazione, ha ristabilito la fiducia e si pu˛ affermare che le aspettative dei produttori, dei consumatori e degli investitori siano migliorate.

Ma non ci si pu˛ nascondere che l’Argentina si trova di fronte ad enormi sfide, in particolar modo a causa del deterioramento del paese sia in termini umani che materiali. Uno studio della Centrale dei Lavoratori ne indica la gravitÓ e segnala che la crescita prevista del 4% medio annuo tra il 2004 e il 2007 porterÓ il prodotto e il consumo nel 2007 ai livelli del 1998. Altre analisi mostrano che il pro capite sarÓ inferiore del 14% rispetto a quello del 1998 [6] e arriverÓ a 3.700 dollari. Nel 1999 era di 8.150.

Anche l’indice di disoccupazione dimostra la gravitÓ della crisi; Ŕ stato stimato che, se il paese avrÓ una crescita superiore al 6%, l’indice di disoccupazione scenderÓ del 10% nel 2010 [7]. Anche se la disoccupazione si Ŕ ridotta, la precarietÓ dell’impiego rimane forte, con un’alta percentuale di posti di lavoro “informali” e a bassa produttivitÓ. Si Ŕ ridotta inoltre la partecipazione dei salariati nel prodotto.

Persistono, poi, gli squilibri strutturali. Per esempio Ŕ forte la propensione a importare, mentre le esportazioni continuano a concentrarsi in un gruppo di commodities e i prodotti industriali crescono poco o addirittura decrescono. Ci si deve anche aspettare che il deficit del conto capitale aumenti una volta che iniziano i pagamenti del debito pubblico e privato in default. Il deficit fiscale sembrerebbe controllato, visto l’aumento delle riscossioni [8] e la diminuzione della spesa pubblica, Ŕ per˛ molto forte la pressione delle spese sociali e probabilmente aumenterÓ la percentuale destinata al pagamento del debito.

Fino a questo momento, la domanda interna e le esportazioni sono stati i “motori del recupero”, ma c’Ŕ la necessitÓ di aumentare gli investimenti e il credito. Di fatto, quest’anno gli investimenti di capitale privato sono cresciuti del 40%, per˛ la mobilitÓ del risparmio interno Ŕ limitata dalla debolezza del mercato finanziario e bancario. Secondo i dati della Banca Centrale, c’Ŕ un aumento dei depositi e le banche hanno eccedenze di contanti, ma non c’Ŕ domanda di crediti, situazione questa che indica il pessimismo sulle prospettive del Paese e la sfiducia nel sistema finanziario e bancario.

Studi sul settore agricolo, che Ŕ cresciuto senza ricorrere al credito bancario e al settore industriale ed ha contato sulla capacitÓ inattiva (ociosa) di circa il 30%, indicano le improrogabili necessitÓ finanziarie sia per quanto riguarda il capitale da destinare al lavoro che alle attrezzature oltre alla necessitÓ di sviluppare le infrastrutture e la tecnologia. Ci si affida agli investimenti pubblici, nel preventivo del 2004 Ŕ previsto un aumento del 22,8%, per˛ si deve assicurare anche l’investimento straniero e l’accesso ai mercati di capitale. Vale la pena segnalare, come elemento favorevole, l’espansione di alcuni gruppi importanti: Repsol YPF ha annunciato investimenti per 5,7000 milioni di dollari in cinque anni; Telefonica per 2000 milioni di pesos nel 2003 e PETROBRAS per altri 1600 milioni fino al 2005.

Uno dei punti pi¨ critici, per l’Argentina, Ŕ quello che riguarda il debito sociale. In un paese che per decenni era stato un esempio, in America Latina, di societÓ socialmente integrata, con pieno impiego, distribuzione relativamente equa delle entrate e mobilitÓ sociale ascendente, le politiche neoliberiste, applicate dalla dittatura militare negli anni ’70 e inasprite ulteriormente negli anni ’90, hanno danneggiato le condizioni di vita di molti strati della popolazione. La crescita degli anni ’90 non ha significato un aumento del livello di vita della maggior parte della popolazione, come ha segnalato recentemente il Presidente Nestor Kirchner: “non si deve festeggiare una crescita che ha il suo fondamento sulle sofferenze subite da tutti gli argentini”.

Il tema su cui soffermarsi Ŕ che non basta crescere, Ŕ importante come si cresce, per far fronte a quanto Ŕ stato causato negli anni passati. Senza dubbio, una delle sfide pi¨ grandi che deve affrontare l’attuale amministrazione Ŕ la necessitÓ di costruire un nuovo modello di ridistribuzione, che aiuti a risolvere i problemi del lavoro e dell’insufficiente rete di sicurezza sociale. Ci sono poi i problemi che riguardano gli investimenti e i finanziamenti, le incertezze della restrizione (restricciˇn) estera, con un commercio molto concentrato e il peso dell’indebitamento.

Nonostante ci˛, questo ciclo di recupero ha mostrato alcune opportunitÓ, tra le quali quelle risultate dall’aumento della competitivitÓ dei settori agricolo-zootecnico e agroindustriale, all’interno di una congiuntura favorevole dei prodotti da esportazione, che pare mantenersi viste le prospettive di crescita di Stati Uniti, Unione Europea e America Latina. Non si pu˛ perdere di vista il fatto che l’Argentina Ŕ un paese molto ricco di risorse naturali e umane, con eccedenze alimentari e nel campo dell’energia e con molte potenzialitÓ ancora da esplorare. L’agricoltura argentina Ŕ stata per anni la pi¨ moderna e competitiva dell’America Latina, le sue terre sono tra le pi¨ fertili del mondo, si stima che la produzione agricola possa aumentare in modo significativo. Anche se indubbiamente il paese ha subito un forte processo di deindustrializzazione, con una caduta del livello sia materiale che umano (soprattutto per quanto riguarda la capacitÓ tecnologica e scientifica), applicando altri tipi di politiche, si potrebbero porre le basi per un tipo di industrializzazione che si fondi sulle ricchezze materiali ed umane del paese.

 

 

 

Bibliografia

Bruno Carlos e Chudnosvsky Daniel, (a cura di), ┐Por quÚ sucediˇ? Las causas econˇmicas de la reciente crisis argentina, Siglo XXI░ de la Argentina y Cenit, 2003.

CEPAL, Estudio Econˇmico de AmÚrica Latina 1997 al 2002-2003

Indicadores macroeconˇmicos de la Argentina. Oficina de la CEPAL en Buenos Aires.

Fanelli JM, Crecimiento e inestabilidad, crisis de la convertibilidad en la Argentina. Revista de la CEPAL, 77, 2002

Dilemas monetarios de la Argentina, “Revista Desarrollo Econˇmico” No. 165, aprile-giugno 2002.

Osacoff B e Ramos A., Reforma de polÝtica, estrategias empresariales y el debate sobre el crecimiento en Argentina, in Crisis econˇmica y polÝticas p˙blicas, Instituto di Tella y siglo XXI 2003.

Lo Vuolo RubÚn, Estrategia Econˇmica para la Argentina. Propuestas, Cipp, Siglo XXI argentina y Fundaciˇn OSDE-2003.

Stiglitz J. E., El malestar de la globalizaciˇn. Taurus

Tenewicki M. Diaz Perez JL, Lˇpez AndrÚs El ajuste neoliberal y las transformaciones econˇmicas, Editorial Biblos, 1992.

BoletÝn informativo de Techint.

Pagina web del Ministerio de EconomÝa de la Argentina.


[1] Dopo la rinuncia di De la R¨a, il 23 di dicembre assunsero la presidenza Ramon Puerta, per tre giorni, Adolfo Rodriguez Saa, per otto giorni, Eduardo Caamano, per un giorno e, il primo di gennaio Eduardo Duhalde, fino a maggio 2003.

[2] Consenso di Buenos Aires.

[3] Claudio Lozano, Una questione di fondo, Diario, 20-09-2003, p. 12.

[4] Principalmente in fondi di pensione.

[5] MODEM 2008. Emissione nazionale pi¨ recente.

[6] Citato da Alfredo Zaiat. “Attenti all’amore cieco” Pag. 12. 12.10.2003.

[7] Ernesto Kritz. IREAL, citato CNN 19.12.2003.

[8] La RECAUDACION nel gennaio-ottobre del 2003 Ŕ del 45% superiore a quella dello stesso periodo del 2002.