Rubrica
La transizione difficile

Copyright - Gli articoli si possono diffondere liberamente citandone la fonte e inserendo un link all'articolo

Autore/i

Arnd Morkel
Articoli pubblicati
per Proteo (1)

A. Morkel, professore emerito di Scienza della Politica, Ŕ stato Presidente dell’UniversitÓ di Treviri per 12 anni

Argomenti correlati

UniversitÓ

Nella stessa rubrica

L’universitÓ emblema dell’organizzazione del potere
Salvatore D’Albergo

Nove argomenti contro la attuale legge di riforma universitaria
Arnd Morkel

Il 3+2, terrore dell’accademia
Annamaria Crescimanni

 

Tutti gli articoli della rubrica "Il punto, la pratica, progetto"(in tutti i numeri di Proteo)


Home
Autori
Rubriche
Parole chiave

 

 

 

Nove argomenti contro la attuale legge di riforma universitaria

Arnd Morkel

Il testo di seguito presentato Ŕ una traduzione autorizzata e costituisce una “anteprima” del volume “Die Universitńt mu▀ sich wehren”, ora pubblicato presso la Wissenschaftliche Buchgesellschaft di Darmstad, 2000. Ringraziamo l’eminente studioso Morkel per averci autorizzato a pubblicare questo suo scritto tradotto da Alessandro Mazzone.

Formato per la stampa
Stampa

Del “problema UniversitÓ” si parla da tempo negli ambienti politici ed economici. Premurosamente, come Ŕ lor costume, essi ci sentono il polso, formulano prognosi di distrofie incombenti, prescrivono terapie, e promettono, se ci adeguiamo, di rimetterci in salute, pronti a partire per il 21░ secolo. I programmi che vengono proposti sono tecnocratici. Veniamo sollecitati senza sosta a migliorare struttura, organizzazione, efficienza dell’UniversitÓ: ma nulla si dice dello scopo per cui l’UniversitÓ esiste, rispetto a che si misurino poi organizzazione, struttura, efficienza. Tutto ci˛ non promette bene. Chi vuole far qualcosa per l’UniversitÓ deve avere innanzitutto un’idea chiara dell’UniversitÓ stessa.

 

L’UniversitÓ deve essere in chiaro sui suoi compiti

Una UniversitÓ che non sa che cosa essa stessa Ŕ e deve essere, Ŕ esposta inesorabilmente a pressioni esterne e al variabile spirito dei tempi. Di conseguenza: il rinnovamento dell’UniversitÓ verrÓ da spinte ideali e scelte concettualmente fondate, o non verrÓ affatto. Questi impulsi e queste scelte possono solo venire dai docenti e discenti stessi. Meno l’UniversitÓ Ŕ in grado di determinare i propri compiti a partire dall’intelligenza di sÚ stessa, pi¨ grande diventa il pericolo che quei compiti le vegnano imposti dall’esterno. E cosý oggi avviene. La politica dell’educazione tende attualmente a sfumare i contorni tradizionali dell’UniversitÓ e eliminare la differenza tra UniversitÓ e Scuola tecnica superiore (Fachhochschule). Dobbiamo discutere questa tendenza. Dobbiamo respingerla. L’UniversitÓ avrÓ un avvenire solo se riusciremo a far comprendere chiaramente che la missione dell’UniversitÓ Ŕ diversa da quella di una Scuola tecnica superiore, e che questa missione dell’UniversitÓ non profitta solo alla scienza, ma all’economia e alla societÓ tutt’intera.

 

L’UniversitÓ deve fissarsi dei criteri.

I criteri dei politici sono inequivocabili. “DovrÓ essere valutato e riconosciuto [honoriert] - si legge nella motivazione della Legge Quadro Universitaria [HRG] - chi acquisisce molti studenti e li forma entro i termini di corso normali.” “Anche le somme destinate alla ricerca dovranno... essere stanziate tenendo in conto i risultati predetti”. “Criteri di valutazione potranno essere al riguardo i finanziamenti ricevuti da terzi e il numero dei diplomi conferiti”. In chiaro: Chi non riduce della metÓ i termini di consegna di studenti approvati, non raddoppia lo output [sic, ndt] di laureandi e non triplica le somme dei finanziamenti esterni, se ne va!

Buona cosa sarebbe, s’intende, se le UniversitÓ, dovendo onorare i buoni risultati pi¨ e meglio che nel passato, si basassero, allo scopo, su criteri obiettivi. Ma la cosa non Ŕ tanto semplice. I criteri della nuova legge sono solo apprentemente obiettivi. Di fatto, essi lasciano spazio a conseguenze contraddittorie. Breve durata del corso di studi pu˛ voler dire insegnamento efficiente - o curriculum studiorum al ribasso. Alto tasso di laureati pu˛ significare adunata di giovani talenti - o laureificio [Doktorfabrik]. Un mediocre istituto di ricerca pu˛ esser gran raccoglitore di fondi. In una parola: risultati e prestazioni dell’UniversitÓ non si misurano in unitÓ contabili, come in un’azienda. Se una fabbrica di bottiglie sa in ogni istante quante bottiglie escono dai suoi cancelli, l’UniversitÓ non ha questo privilegio.

Beninteso. Tutto ci˛ non dispensa le UniversitÓ dal dovere di elaborare i propri criteri per chiamate, curricoli, condizioni dello studio, ricerca, insegnamento, promozione dei pi¨ dotati, promozione delle nuove leve di docenti. Su questi criteri l’UniversitÓ deve misurarsi e lasciarsi misurare.

 

L’UniversitÓ deve intender sÚ stessa come un’unitÓ

Solo di nome oggi l’UniversitÓ Ŕ ancora universitas litterarum: nel fatto, essa Ŕ un conglomerato non molto coeso di discipline e parti di discipline. Per le singole discipline questo importa un pericolo di restringimento dell’orizzonte e perdita di contatto con sviluppi importanti. Se l’UniversitÓ vuole corrispondere al suo nome, non pu˛ bastarle di essere un luogo d e l l e scienze, ma deve orientare tutti i suoi sforzi a diventare i l luogo, in cui le scienze s’incontrano - a stimolo e integrazione reciproca, e come reciproca critica e controllo. Presupposto di tale orientamento Ŕ una politica di chiamate, di curricoli di studio, di formazione della nuova generazione di ricercatori orientata a sua volta alla interdisciplinarietÓ; e la creazione nell’UniversitÓ di istituzioni atte ad acuire nei docenti e nei discenti la consapevolezza del possibile e necessario dialogo tra le diverse materie.

L’UniversitÓ deve formarsi una propria etica

Essa Ŕ necessaria innanzitutto per tre motivi. Primo. I professori godono di un alto grado di indipendenza, di cui l’abuso Ŕ possibile, senza che norme giuridiche di per sÚ possano escluderlo. Secondo. La credibilitÓ dei docenti universitari Ŕ messa a repentaglio dal rifiuto di norme etiche di comportamento. Terzo. Gli obblighi liberamente assunti sono la sola possibilitÓ di evitare il sopravvento di ancor pi¨ burocrazia, ancor pi¨ controlli, ancor pi¨ eteronomia. Ma il nocciolo dell’ethos univeristario Ŕ il dovere verso la veritÓ. E vi sono altri quattro impegni, oltre a questo, che vengono spesso messi in ombra: il dovere nei confronti degli studenti, nei confronti della Universitas litterarum, verso la Res publica, verso la cultura.

 

L’UniversitÓ deve costruire sull’opera della scuola

La nuova legge [HRG] dÓ ai Lńnder facoltÓ di attribuire il 20% dei posti di studente (nei corsi a Numero chiuso). Un’offerta, che Ŕ un imbroglio. Gli studenti non accettati possono chiedere un posto di studio rimasto libero, e che l’amministrazione centrale [ZVS] deve allora accordare. Molti professori propongono perci˛ che siano le UniversitÓ stesse a scegliere i propri studenti, senza restrizioni. Ma questa proposta non sarÓ accolta, perchŔ nessun Governo sopravviverebbe alla ribellione dei molti delusi, che si sentirebbero imprevedutamente privati dell’accesso all’UniversitÓ.
 Rimane dunque solo una via, pi¨ lunga e faticosa: riformare il sistema scolastico e alzare di livello i criteri di ammissione agli studi superiori. Ma l’UniversitÓ deve dare il suo contributo - definendo concretamente quello che essa esige da chi si candida allo studio universitario.

 

Una cura dimagrante per risanare l’UniversitÓ

L’argomento principe dei modernizzatori [Bldungsreformer] Ŕ l’impossibilitÓ di preparare il 30% e pi¨ della fascia demografica in formazione secondo le modalitÓ accademiche derivate dalla tradizione. Per cui, le UniversitÓ dovrebbero adeguare la loro offerta didattica alle differenziate esigenze e capacitÓ degli studenti, e introdurre - a fianco dei programmi di formazione scientifica - corsi di studio di nuovo tipo, vicini alla pratica. ╚ verissimo che siffatti corsi di studio sono necessari e urgenti: ma non all’UniversitÓ, bensý in Scuole tecniche superiori. Al contrario: una volta insediati nell’UniversitÓ, Ŕ da temere che i corsi accademici veri e propri non reggano al loro fianco. Del resto, nello stabilire i nuovi “Valori-indice per esami di Bachelor e Master ” [“Eckwerte fŘr Bachelor- und MasterabschlŘsse”], il Land Renania settentrionale-Vestfalia non ha fatto mistero del fatto che con i nuovi corsi di studio si mira a “una ristrutturazione dalle fondamenta del sistema universitario”, e che non si pensa affatto, a lungo termine, a una coesistenza di due tipi di educazione.

Non basterÓ davvero rifutare questi programmi di baccellierato e “Master”, per˛. Le UniversitÓ stesse hanno introdotto, in passato, numerosi corsi di studio di dubbia caratterizzazione universitaria. Tocca ora a loro riesaminarne la collocazione, e vedere se questi corsi di studio non starebbero meglio in istituzioni di formazione pratica, con curriculi pi¨ brevi, e di minor costo per il contribuente.

Certo: le resistenze contro una tal “cura dimagrante” saranno enormi. Ma - come disse Theodor Mommsen - una UniversitÓ come “donna di servizio a tuttofare” non ha chance di sopravvivenza. Il futuro dell’UniversitÓ Ŕ nella concentrazione sui suoi compiti essenziali.

 

L’UniversitÓ deve concorrere con altre UniversitÓ

La concorrenza Ŕ indispensabile. Ma, prima di cedere a qualche euforia concorrenziale, ricordiamoci che il senso della concorrenza non Ŕ l’imitazione degli altri, ma il far meglio di loro. E che i c.d. “emolumenti secondo la prestazione” non sono atti a dar le ali alla competizione. La pochezza di pensiero, come la poca fattivitÓ, non si vincono col denaro - quanto meno non col solo denaro. La disaffezione, che qua e lÓ si manifesta, ha cause pi¨ profonde: e a queste cause dovrÓ attaccarsi prima di tutto chi vuole efficienza e risultati.

Ha poi poco senso confrontare semplicemente UniversitÓ tedesche e americane, senza dire che queste ultime hanno facoltÓ di scegliere i propri studenti, che un docente universitario statunitense ha in media la metÓ degli studenti di un docente tedesco, che gli studenti americani pagano contributi universitari notevoli, che le UniversitÓ americane possono agire in genere con un’autonomia che noi neppure sogniamo. FinchÚ i presupposti per una competizione alla pari non saranno dati alle UniversitÓ tedesche, esse rimarranno svantaggiate nella concorrenza con le UniversitÓ straniere.

 

L’UniversitÓ deve difendere il suo statuto

Il processo decisionale accademico non Ŕ privo di difetti. C’Ŕ una falsa collegialitÓ; si arriva al “tu dai una cosa a me, io do una cosa a te”; i settori maggiori fanno la parte del leone a spese dei minori; iniziative promettenti sono bloccate dalla resistenza dell’istituzione; eccetera. Che cosa propongono i modernizzatori? Ampi poteri per i Presidenti di UniversitÓ! [Cfr. la recente riforma olandese. N.d.T.] Questo non funzionerÓ. Governare un’UniversitÓ Ŕ possibile con i suoi membri, non contro di loro. Invece di gettare il bambino col bagno, si pu˛ dare al Presidente un potere di veto, e creare un sistema di equilibri e contropoteri tra Senato accademico e direzione dell’Ateneo.

 

L’UniversitÓ si difenda!

Le nostre UniversitÓ hanno i loro punti deboli, grandi e piccini. Senza dubbio. Ma peggio degli ambienti politici ed economici non sono di certo. Bisogna che l’UniversitÓ passi all’offensiva, contrapponendo alla cattiva Legge Quadro Universitaria una concezione e un progetto migliore. Gli Atenei che non condividono la politica della Conferenza dei Rettori, si dimettano da questa istituzione. Una cosa Ŕ certa. Senza un atto clamoroso da parte dell’UniversitÓ, la politica ufficiale resterÓ quella che Ŕ.